Istituto “La Casa” Servizio Adozioni Internazionali

LogoHomeLaCasaINDIRIZZO : Piazza Conciliazione, n. 1 – 40026 Imola (Bo)

RESPONSABILE DI RIFERIMENTO : Dott.ssa Caterina Mallamaci Consulente Familiare

CELLULARE : 340 7614828 (Caterina Mallamaci)

TELEFONO/FAX : 0542 29698

EMAIL : lacasa.imola@libero.it

SITO INTERNET : www.lacasaimola.it


DESCRIZIONE :

A CHI SI RIVOLGE :

  • alle coppie in possesso dell’idoneità per l’adozione internazionale ;
  • alle coppie che sono in attesa dell’idoneità per l’adozione internazionale ;
  • alle famiglie nella fase di attesa e nel post-adozione (anche alle famiglie che hanno adottato con altri Enti Autorizzati o attraverso l’adozione nazionale) ;
  • ai nonni e futuri nonni adottivi ;
  • ai contesti scolastici ed ai servizi territoriali interessati a promuovere l’integrazione del bambino adottato ;

ATTIVITA’ :

  • Dal 2004, l’associazione Istituto “La Casa”, Ente Autorizzato, ha una sede anche ad Imola, con diversi operatori impegnati nelle tante attività.
  • Accoglienza e informazione alle coppie sul tema adozione internazionale ( a febbraio 2009, le coppie che hanno adottato con l’associazione, sede di Imola, sono 48).
  • Le famiglie seguite (in attesa di concludere l’adozione, adozioni concluse per il tramite del nostro Ente, di altri Enti e adozioni nazionali) sono attualmente 80.
  • Organizzazione di corsi di preparazione per le coppie che aspirano ad adottare un bambino straniero inerenti gli aspetti della genitorialità adottiva, della diversità somatica e culturale, ecc..
  • Incontri di condivisione e confronto tra famiglie in attesa di concludere l’adozione e quelle che hanno già adottato.
  • Colloqui e corsi di accompagnamento alla genitorialità adottiva nel post-adozione.
  • Corsi di formazione ai nonni e futuri nonni adottivi.
  • Sostegno a progetti per la prevenzione dell’abbandono minorile e aiuto alle realtà disagiate in diversi paesi esteri.

FINALITA’ :

  • Rendere consapevoli le coppie della realtà dell’adozione, prepararle al meglio nel percorso pre-adottivo, sostenere la nuova famiglia dopo l’adozione per un pieno inserimento del bambino nel contesto familiare e sociale.
  • Contribuire all’integrazione territoriale perchè il contesto sociale sia effettivamente preparato ad accogliere il bambino straniero adottato.
  • Creare una rete di fattiva collaborazione con i servizi sociali e territoriali.
  • Sensibilizzare al sostegno a distanza (attraverso progetti di prevenzione dell’abbandono minorile in diversi paesi e aiuto alle realtà disagiate).